Valdivara-Moconesi nel racconto dell'ufficio stampa biancorosso

Una fase di Valdivara - Moconesi
Una fase di Valdivara - Moconesi
- 8910 letture

Riceviamo e pubblichiamo il resoconto di Valdivara 5 Terre - Moconesi, gara valida perla prima giornata del campionato di Eccellenza, ricca di gol ed emozioni e terminata 4-3 in favore dei padroni di casa. Ecco il racconto della partita inviatoci dall'amico Mirko Demartini dell'ufficio stampa del Moconesi:

«Dove l'era Foppiano si chiuse, si alza il sipario su quella di Oggiano. Al Rino Colombo di Beverino sotto un cielo plumbeo e vento fastidioso, Valdivara e Moconesi si affrontano per la 1° giornata. Alvisi al 1' e Garibotti al 14' ci tengono in apprensione, ma al 19' su perfetto cross da destra di Oneto, Dell'Ovo lasciato colpevolmente solo di testa sigla lo 0-1. Al 30' Bertucelli di testa dentro l'area piccola, non imprime forza e para sicuro Balistreri, 60" dopo Fezzano, Sanguineti ci prende gusto ed in pallonetto sigla lo 0-2. Gestiamo tutto fino al 45' dove Grasso con un rasoterra preciso ma non irreprensibile riapre i giochi per l'1-2 con cui si chiude la prima frazione. Secondo tempo e Duranti con una conclusione angolata ma non forte, sorprende sul suo palo Brozzo per l'1-3. 20' minuti di controllo nostro con sterili attacchi spezzini, ma nella seconda metà del match black-out e Bertucelli show portano alla clamorosa rimonta. Al 68' un errato rinvio da parte della difesa, spiazza sull'uscita Balistreri e spalanca la porta a Bertucelli per il 2-3. Al 70' Bellini rimedia un cartellino rosso per gomito alto e ci lascia in 10. Forcing finale che porta al sorpasso: minuto 85' Bertucelli conquista e realizza il 3-3, 87' di testa da due passi sigla il 4-3 e la sua personale tripletta. Brutto colpo per il morale, ma se leviamo queste ingenuità, siamo in corsa. Domenica a Monleone, visto il perdurare dei lavori al Fortino Colombo, prima "casalinga" contro la Rivarolese. Una sfida mai banale, ma certe esultanze sotto la nostra tribuna, devono essere lavate per far sudare le proverbiali sette camicie a Sigheri & c».

Marco Innocenti