Pioli: «Sampdoria avversario difficile, ben allenata e da rispettare»

Stefano Pioli
Stefano Pioli

Conferenza stampa pre partita per Stefano Pioli che, dalla sala stampa del "Franchi", presenta l'esordio di domani pomeriggio della sua Fiorentina in Coppa Italia contro la Sampdoria spendendo parole d'elogio per i blucerchiati.

DOMANDA: Che importanza può avere questa competizione e che partita si aspetta?

PIOLI: «La Coppa Italia ha per noi una grande importanza e quindi cercheremo di andare avanti, sapendo che la Sampdoria è un avversario difficile, però ce la metteremo tutta. Ci aspetta una partita difficile, contro un avversario che sa stare bene in campo, ben allenato, che si è rinforzato sull'ossatura dell'anno scorso con giocatori come Zapata, Strinic o Ramirez. Un avversario insomma da prendere in grande considerazione e rispettare».

D: Quando ci sono tante partite vicine, si dice che la più difficile è sempre la terza: intanto, è vero questo?

P: «Sì, credo che giocare tre gare a ritmi alti sia a livello fisico che mentale possa essere non facile. Noi poi veniamo da una gara dispendiosa, perché a Napoli abbiamo lavorato tanto sia fiscamente che mentalmente. Abbiamo un giorno di riposo in meno e devo dire che questo non l'ho proprio capito. O meglio, so benissimo perché noi non abbiamo giocato prima perché il Napoli non poteva ma non ho capito perché la Sampdoria ha potuto farlo. Comunque valuterò tutto, abbiamo anche giocatori reduci da infortuni e cercherò di capire le condizioni migliori e di schierare una squadra competitiva perché noi abbiamo un tabellone particolarmente difficile e arrivare in fondo sarebbe un'impresa. Ma pensiamo solo gara dopo gara e la prima è quella di domani».

D: Cosa può insegnare la sconfitta in campionato di fine agosto proprio contro la Sampdoria?

P: «Dopo pranzo vedremo alcune situazioni importanti sulla Samp, sviluppate proprio in campionato. Hanno il loro modo di difendere e di attaccare quindi rivedere alcune situazioni potrà aiutarci molto ma noi dobbiamo trovarci bene nelle situazioni che crediamo possano darci qualcosa in più».

D: Com'è la situazione infortuni?

P: «L'unico indisponibile è Maxi Olivera per una squalifica dall'anno scorso. Ieri stavano tutti bene, mi auguro di ritrovarli così anche oggi».

D: Saponara? Due settimane fa ci aveva detto che doveva ritrovare la forma migliore...

P: «Due settimane in più, hanno di sicuro migliorato la sua condizione».

D: Ogni gara per i giocatori è un esame: quella di domani lo è di più in vista del mercato? E poi, visto che oggi è il compleanno di Pantaleo Corvino, che regalo gli farebbe?

P: «Per noi, ogni gara è un esame ma domani non è un esame in ottica mercato ma piuttosto un esame della nostra crescita, delle nostre prestazioni collettive e individuali come si fa sempre. Un bell'esame peraltro perché l'avversario è importante e sta facendo un ottimo campionato e noi vogliamo dimostrare di essere all'altezza. Per il direttore, prima di venire qua gli ho fatto i miei auguri, di star bene per tanto tempo. Poi di altre cose adesso non mi sento di fare promesse di regali particolari».

Marco Innocenti